Seleziona una pagina

Poisonous Monarch parla di due bambine, di un giardino segreto, di un tesoro.
In un’atmosfera cupa e un po’ inquietante di un sentiero nascosto si cela una radura dove, avvolta da un manto come un baco c’è una ragazza addormentata.
Le due fanciulle se ne prendono cura, le adornano i capelli di fiori, le sistemano quel nido fatto di erba e profumi.
Poi ad un tratto la fanciulla si sveglia, si solleva da quel ciglio e sveste dell’involucro che l’ha tenuta al sicuro per tutto quel tempo. Inizia la scoperta di un mondo nuovo e furtiva si aggira fra le radure, coperta solo di stracci.
E sul prato non troppo distante incontra le due bambine che si sono prese cura di lei, che la vestono e la portano alla scoperta di un nuovo mondo fatto di colori brillanti.
Non sanno di aver cresciuto una farfalla Monarca, e sul prato, stanche della passeggiata, si addormentano prese dagli effluvi del suo veleno. 

Backstage

Credits:

Photo and Retouch: Tiziana Niespolo FotoGrafica
Make Up: Laura Portomeo – Make Up Artist
Hair: GIUSEPPE MARANO FOR Color Store
Hair Assistant: LUIGI RUSSO
Model: NOEMI BOSCO for Nando Cioffo – CModels Management
ALEXANDRA AND HELENA GROEBEN
Backstage: Gianluca Savarese Photography

 Scopri i nostri Editoriali

Eleionomae

Eleionomae racconta di una laguna, di sfondi colorati ed eterei, della trasformazione di una ninfa da ingenua creatura, ad ammaliante sirena fino a seducente strega. I colori e le luci accompagnano il make up in questa trasformazione, fatta di sguardi, volti incorniciati da ciocche di fluenti capelli e di un sottofondo musicale incalzante, che come nei film ci conduce al punto di massima adrenalina.”

Poisonous Monarch

Poisonous Monarch parla di due bambine, di un giardino segreto, di un tesoro.
In un’atmosfera cupa e un po’ inquietante di un sentiero nascosto si cela una radura dove, avvolta da un manto come un baco c’è una ragazza addormentata.
Le due fanciulle se ne prendono cura, le adornano i capelli di fiori, le sistemano quel nido fatto di erba e profumi.
Poi ad un tratto la fanciulla si sveglia, si solleva da quel ciglio e sveste dell’involucro che l’ha tenuta al sicuro per tutto quel tempo. Inizia la scoperta di un mondo nuovo e furtiva si aggira fra le radure, coperta solo di stracci.

I Am My Own Color

L’idea di questo editoriale nasce dalla collaborazione tra il nostro sponsor per il make up, Collistar, e il celebre brand di design, Kartell.
Per la primavera i due brand hanno infatti lavorato ad una collezione i cui prodotti unissero la qualità dei prodotti Collistar, alla particolarità degli oggetti di design Kartell.
Il tema sono quindi le trasparenze, i colori, le geometrie. Li si può evincere in ogni parte dell’editoriale: dal make up, alle acconciature, agli accessori e non in ultimo agli stessi scatti e al lavoro di post produzione operato sugli stessi.
Un gioco di colori e di effetti che cattura subito gli sguardi e lascia spazio all’immaginazione.

Worship

Due figure: la matrona, austera e imponente nella sua figura, dallo sguardo austero e penetrante, e la sua discepola che la scruta con gli occhi adoranti, felini, quasi invidiosa della magnificenza della sua maestra.

Una sensazione di invidia velata e di competizione attraversa la scena, e si può percepire lo stato di tensione e la forza che attrae le due figure e al contempo le allontana.